Santa Sunniva e gli uomini di Selje

Santa Sunniva e gli uomini di Selje: due racconti di Sigrid Undset

Traduzione e Presentazione di Marco Tornar
Edizioni Solfanelli
[ISBN-978-88-7497-832-8]
Pagg. 64 – 7,00

http://www.edizionisolfanelli.it/santasunniva.htm

Dopo essere scampate per due volte all’incendio andarono perdute intorno al 1536 – come conseguenza della Riforma – le reliquie di Sunniva – unica santa della chiesa norvegese, di cui Sigrid Undset nel 1934 delineò un mirabile, struggente ritratto in prosa. Era innamorata di Gesù, la giovanissima regina irlandese del X secolo costretta a fuggire in Norvegia. Oggi la sede ufficiale del suo culto è Bergen, ma è l’affascinante isola di Selje il luogo dove lei approdò e lodò Dio fino al martirio.
Pari per importanza ai più noti sant’Olav e sant’Halvard, questa santa che si nascose in una caverna all’arrivo dei pagani ha la grazia di giungere a noi per consegnarci il pathos immacolato di una trepidazione femminile che non conosce mode né epoche. Purezza per purezza, la cattolica novecentesca Undset doppiò la sua memoria, mirò alla quintessenza della descrizione del paesaggio nordico e di una parola fortemente pittorica pur di svelarci come in fondo la grande letteratura è la gemella oggi dimenticata dell’ascesi.
Se Kristin figlia di Lavrans è il capolavoro riconosciuto di Sigrid Undset, il successivo Santa Sunniva e gli uomini di Selje rappresenta la gemmazione di quell’affresco, il lucidissimo specchio di un alto medioevo – o di un’aurora boreale – dove ancora lampeggiano le nostre più vere emozioni.

  • Facebook
  • Twitter
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS
  • Print